martedì 17 febbraio 2015

Partendo e tornando: il viaggio e la scrittura

Sono tornata, dopo due mesi trascorsi viaggiando in Messico, Guatemala e Belize...

Il 31 Ottobre 2014 é stato il mio ultimo giorno lavorativo. Dopo due anni, infatti, l'azienda per cui lavoravo come impiegata commerciale estero ha deciso di non rinnovare il mio contratto. Sapevo da tempo che sarebbe accaduto: ad Aprile mi era infatti stato comunicato che non ci sarebbe stata nessuna ulteriore proroga e tanto meno l'assunzione a tempo indeterminato che in passato mi era stata promessa. Ho deciso, tuttavia, con il passare dei giorni, che la via non sarebbe stata quella della disperazione, ma un'altra: nonostante la delusione iniziale, ho pensato che potevo vedere la situazione da un punto di vista diverso e farla diventare un'opportunità, quella di realizzare il mio sogno di sempre, ovvero il giro del mondo...

Questo blog è nato per condividere le mie esperienze di viaggio, che fino a poco tempo fa trovavano spazio nei periodi di vacanza...

Poi, di pari passo al sopraggiungere del mio progetto, ha assunto una nuova forma, quella attuale, del taccuino di viaggio - del mio viaggio intorno al mondo - in cui raccogliere pensieri ed emozioni, ma anche semplici appunti e note pratiche... 

La mia intenzione era quella di aggiornare il blog strada facendo, giorno per giorno. In viaggio, ho deciso, tuttavia, che avrei scritto di questa mia esperienza solo una volta di ritorno... 

Il mio giro del mondo effettivamente prevede più partenze e più ritorni. Volerò in tutti i diversi continenti, probabilmente anche più di una volta, ma poi, dopo essermi spinta - via terra - in lungo ed in largo nei paesi che ho scelto di visitare in ciascuno di essi, tornerò sempre in Italia...

Certamente è antieconomico, ma al cuore non si comanda...

Qui, ad aspettarmi, c'è Gianluca, il mio compagno di sempre, che mi seguirà/raggiungerà solo in alcuni momenti...

Uno dei motivi per cui ho deciso di non scrivere in viaggio sta nel fatto che le prime due/tre settimane messicane le ho condivise con lui: poiché non ci saremmo visti per quasi un mese e mezzo, ogni istante è divenuto prezioso e il blog è semplicemente passato in secondo piano...

Poi, mentre proseguivo da sola, la voglia di vivere fino in fondo il viaggio e - devo ammetterlo - anche un po' di stanchezza, hanno fatto si che io maturassi la decisione di scrivere a posteriori...

Continuerò a viaggiare finché non risolverò alcune questioni che riguardano la mia sfera lavorativa...

Il prossimo viaggio, credo, mi porterà dalle Repubbliche baltiche alla Russia, che attraverserò sulla transiberiana, fino ad arrivare in Cina, per spingermi, poi, in Giappone... 

Ma adesso, ho davanti a me un paio di mesi, per scrivere...



Nessun commento:

Dimmi la tua lasciando un commento...