Caye Caulker, sì o no? Qualche informazione per decidere...

Caye Caulker è una piccola isola del Belize. Meta prediletta di statunitensi e canadesi che nei freddi mesi invernali cercano rifugio sul Mar dei Caraibi, è anche una delle realtà più costose nel panorama centro americano.

Caye Caulker - Split

<<Il Belize? Caye Caulker? Ma no...>> pensavo tra me e me, mentre organizzavo il mio viaggio oltreoceano.

Eppure, alla fine, ci sono andata e mi sono fermata ben cinque giorni... All'inizio - dovendo tornare a Cancun, da dove ero partita due mesi prima - passare per l'isola mi sembrava il solo modo di non ripercorrere i miei passi; poi, però, ho capito che, forse, valeva davvero la pena fermarsi un po', al di là del fatto che ne avevo sentito parlare come di un posto (troppo) turistico.

A Caye Caulker si respira un'atmosfera molto, molto rilassata, a dire la verità più rilassata di quanto pensassi. Non so se è sempre così, ma fortunatamente a metà febbraio sulle strade di sabbia sfrecciava al massimo qualche golf cart e la gente, all'ombra di qualche palma, se la prendeva con comodo, adeguandosi al motto dell'isola, ''Go slow!''. Forse in periodi di alta stagione, quando c'è più gente, la situazione è diversa, più caotica, considerando la ridotta estensione dell'isola.

Dico questo perché l'unica spiaggia balneabile - che potrebbe senz'altro essere tenuta meglio! - è piccola e già la domenica, in un periodo di minore afflusso turistico, quando è arrivata gente da Belize City, mi è sembrata piuttosto affollata.

Poco oltre la spiaggia si trova lo Split, il punto dove l'uragano Hattie, qualche decennio fa, ha letteralmente tagliato l'isola a metà. Lì - e solo lì, perché altrove c'è la melma e ci sguazzano solo i pellicani - il mare è cristallino e ci si può nuotare che è un piacere, con tanto di maschera e boccaglio, tra pesci di mille forme e colori.

Caye Caulker - Spiaggia

Per non andarsene delusi, però, bisogna essere ben coscienti del fatto che a Caye Caulker non ci sono lunghe distese di sabbia bianca, come in altre località caraibiche; probabilmente tornerà con il sorriso solo chi per prendere il sole si accontenta di un bel molo.

Effettivamente, il punto forte dell'isola non è la costa. Ciò che voglio dire è che bisogna andare al largo per apprezzare Caye Caulker fino in fondo: solo immersioni e snorkeling in mare aperto, infatti, possono rendere unici i giorni che vi si trascorrono.

La Blue Hole è la maggiore attrazione dell'area. Personalmente non ci sono stata, ma sembra essere un must per chi ha un brevetto da sub.

L'escursione in barca a vela però non me la sono persa. Ed è così che in un'area marina protetta ho nuotato tra squali e mante, ho visto tartarughe muoversi su un tappeto di alghe, ho colto l'arcobaleno creato da pesci e coralli sul fondale.

Caye Caulker - Squalo

Chi viaggia low-cost deve sapere che attività come queste incidono notevolmente sul budget; credo però che vivere Caye Caulker senza scoprire quel meraviglioso mondo sommerso, non abbia senso, soprattutto se i Caraibi un po' già si conoscono...

Concludendo...

- Caye Caulker sì, se:
  • Ci vai fuori stagione e cerchi un posto tranquillo;
  • Sei interessato a fare immersioni o snorkeling.

- Caye Caulker no, se:
  • Vuoi andarci nei maggiori periodi di vacanza e non ami la folla;
  • Quello che desideri è un'ampia spiaggia sulla quale cercare un angolino tutto per te e non ti interessa nulla della fauna marina.



Nessun commento:

Dimmi la tua lasciando un commento...