Una settimana sul Lago di Atitlan - Parte I: da Panajachel a San Pedro

Ero in Guatemala, finalmente, a Panajchel, sul Lago di Atitlan. Dopo il lungo viaggio da San Cristobal de las Casas, tuttavia, non avevo nemmeno la forza di uscire per andare a mangiare qualcosa. Quella sera, subito dopo essere arrivata in ostello, sono crollata  e così anche Anne.

La mattina seguente mi sono svegliata presto. Non potevo più aspettare. Il tramonto a cui avevo assistito, quando ancora ero sullo shuttle, mi aveva lasciato un immagine chiara e indelebile, ma che non mi bastava. Dovevo vedere altro di quel lago.

Non mi ero mai trovata di fronte ad un vulcano prima di allora. Vederne tre, tutti insieme, su uno specchio d'acqua, mi ha lasciata senza parole... 


Dopo qualche ora, tuttavia, insieme ad Anne, ho lasciato Panajachel, che è un po' troppo turistica per i miei gusti. Sulla via principale solo bar, ristoranti e agenzie di viaggio. Ho pensato che non valesse la pena restare ancora, dopo essermi goduta il panorama e aver fatto un giretto in centro.

In una mezz'oretta la lancia ha attraversato il lago ed è arrivata a San Pedro la Laguna, sfrecciando.  

Non sapevo esattamente dove si trovasse la sistemazione che avevo prenotato per i successivi sette giorni, così, ho pensato che una breve corsa in moto-taxi poteva essere la soluzione...

In men che non si dica Anne ne ha fermato uno. Il tragitto è stato un continuo saliscendi su strette viuzze che si inerpicano sul versante del vulcano San Pedro, per arrivare sulle sponde del lago - in hotel - ad una velocità da record. E' stato quasi divertente!




Ho trascorso il resto della giornata sulla terrazza panoramica, prendendo il sole e... sfruttando la jacuzzi!



Nessun commento:

Dimmi la tua lasciando un commento...