Cosa vedere a San Giovanni d'Acri ovvero ad Akko...

 
San Giovani d'Acri o Akko è una sorprendente cittadina israeliana, a nord di Tel Aviv (di cui ho scritto qui), che si affaccia sul Mar Mediterraneo. Dico sorprendente perché presenta una pittoresca città vecchia, ma anche una vera e propria città sotterranea, la prima riconducibile agli ottomani, la seconda ai crociati. Ecco, vi ho già svelato i motivi per i quali ritengo che rappresenti qualcosa di unico!


Akko dal porto - Israele

Ad Haifa per una visita al Mausoleo del Bab ed ai giardini Baha'i...


Ad Haifa ci sono andata per una ragione ben precisa: volevo visitare i Giardini Baha'i (dichiarati patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 2008) ed il Mausoleo del Bab, per  cercare di capire almeno a grandi linee cosa rappresenta il bahaismo, credo sviluppatosi nella seconda metà del XIX secolo e che nell'attuale contesto mediorientale proietta una visione del mondo senz'altro inconsueta.
 
Ho un rapporto particolare con il sacro e credo che tale rapporto difficilmente cambierà nel tempo. Capite cosa intendo se vi dico che sarò sempre affascinata da tutto ciò che rientra nella sfera religiosa ma che non mi concederò mai completamente ad essa?  Non sono scettica e infatti ritengo che l'universo abbia una suo incanto, al quale la scienza non saprà mai completamente aprirci. Non riesco però, per come sono fatta, a credere in un Dio - sia esso cristiano, ebraico, musulmano o altro - che ci avrebbe creati affinché ubbidissimo ai suoi precetti e di conseguenza concederci una certa benevolenza. Una concezione molto comoda la mia? Può essere, ma credo che sia rispettabile quanto quella di chi riesce a credere cecamente in un Dio che ha un nome ben preciso!
 
Ebbene, non mi sono convertita al bahaismo (!!!), ma ho scoperto tanto cose riguardo a questa religione che voglio raccontarvi...

 
Mausoleo del Bab e scorcio dei giardini Baha'i - Haifa, Israele

Masada, Riserva Naturale di Ein Gedi e Mar Morto in un giorno...


Mentre progettavo il mio viaggio in Israele (qui trovate l'intero itinerario) ho pensato di visitare Masada, la Riserva Naturale di Ein Gedi ed il Mar Morto in autonomia ovvero con i mezzi pubblici. Ben presto però ho compreso che il fai da te è fattibile solo se si dispone di un'automobile, che personalmente non avevo alcuna intenzione di noleggiare. L'alternativa che ho trovato è stata quella di aggregarmi ad un tour di gruppo che in una giornata mi ha permesso di scoprire tre dei maggiori luoghi d'interesse del Paese.
 
In questo post vi racconto come è andata! 


Scorcio di Masada - Israele

Tre giorni sulla Collina di Primavera ovvero a Tel Aviv...

Tel Aviv è Tel Aviv. E' una città giovane, in tutti i sensi, ma che ha un suo carattere. E' una città che secondo me permette di comprendere Israele più di quanto si possa pensare e che dunque sono felice di non aver trascurato durante il mio viaggio (qui trovate l'itinerario), nonostante si dica che sia pressoché priva di luoghi di interesse e più adatta a chi ama alternare spiaggia e surf alla vita notturna.

E' vero che Tel Aviv non offre monumenti indimenticabili e che si presta alle esigenze di chi ama il sole, gli sport acquatici oltre che il divertimento. Ed è altrettanto vero tuttavia che ha avuto un ruolo fondamentale in quella che è la storia dello Stato ebraico, storia che non può sfuggire ad uno sguardo attento ed interessato a cogliere ciò che è accaduto ieri ma anche e soprattutto ciò che accade oggi
 
Sono convinta che Tel Aviv vada osservata a 360°, per ciò che è stata e ciò che è, altrimenti non potrà che apparire piena di contraddizioni e fuori contesto. In effetti viene quasi spontaneo chiedersi che senso abbia Tel Aviv - che si configura veramente vivace e dinamica - nella tesa realtà mediorientale.

Lungomare di Tel Aviv - Israele


Mitzpe Ramon ed il trekking nel deserto del Negev...

Durante il mio viaggio in Israele (qui trovate l'intero itinerario) non poteva mancare una sosta a Mitzpe Ramon, cittadina sorta negli anni cinquanta a scopo militare nel bel mezzo del Negev e che oggi soddisfa le più svariate esigenze di chi vuole vivere il deserto e intende scoprire cosa rappresenta questo ecosistema. Ecco, io ci ho trascorso tre giorni e devo proprio dire che sono stati tre giorni fantastici!

Mitzpe Ramon: il makhtesh - Israele







Del perchè non mi è piaciuta Eilat e... Qualche buon motivo per andarci!

Avete mai sentito parlare di Eilat? Non mi stupirebbe il fatto che non l'abbiate mai sentita nominare o che il suo nome sia giunto alle vostre orecchie solo recentemente ovvero quando una delle più note compagnie aeree low cost ha introdotto nuove rotte che la collegano all'Italia, senza necessità di effettuare alcuno scalo. Ecco, si tratta di una città dell'estremo sud israeliano, affacciata sul Mar Rosso e circondata dal deserto, a pochissimi chilometri sia dalla Giordania che dall'Egitto.
 
Pare che sia una delle mete di vacanza più frequentate dalle famiglie israeliane e che sia particolarmente apprezzata anche da turisti provenienti dall'Europa Orientale e dalla Russia. Già prima della mia partenza mi sono chiesta perché nel nostro Paese  (ma non solo...) la località goda o godeva di così scarsa fama. Al di là delle più spontanee riflessioni riguardo alla sicurezza  - che credo chiunque affronti pensando ad un viaggio in Israele - non trovavo altra spiegazione, soprattutto considerando le risorse naturali che caratterizzano il contesto.  

Breve tratto di costa protetta ed inaccessibile - Eilat, Israele