Semuc Champey, ovvero il paradiso

Provate ad immaginare acque turchesi e cristalline. Talmente turchesi e cristalline che nei panni di un pittore sulla vostra tavolozza scegliereste le tonalità più intense, quelle che non siete mai riusciti ad usare dipingendo en plein air. E poi provate ad immaginare tante piccole cascate, che si gettano in ampie piscine naturali proprio della tonalità a cui avete pensato. Immaginate anche di trovarvi in mezzo al nulla, tra alte montagne avvolte da una fitta quanto impenetrabile foresta.

Ecco, adesso aprite gli occhi e smettere di sognare. Vi sto dicendo che il paradiso che avete immaginato è reale, esiste davvero. Volete sapere dove si trova? Ve lo dico, ma sappiate che non è affatto semplice arrivarvi! Prendete una cartina del Centro America e focalizzatevi sul Guatemala, perché si trova proprio in quello che è pressappoco  il suo centro geografico. Dovete cercare una località che si chiama Semuc Champey. Non sono certa tuttavia che la troverete su un semplice atlante, perché si tratta di una realtà raccolta ed isolata, che come tale ancora non rientra nei maggiori circuiti turistici del Paese e dunque non attrae folte schiere di visitatori. Se come credo non compare sulle vostre mappe, cercate Coban, la città più vicina, situata a 61km da Lanquin, il villaggio dal quale è facile raggiungere il paradiso che avete immaginato.

Tenete in considerazione che la strada non è asfaltata e che il percorso, di conseguenza, può rivelarsi piuttosto movimentato; calcolate che da Coban a Lanquin ci impiegherete circa tre ore e che da Lanquin a Semuc Champey un'altra mezz'ora abbondante. A Lanquin potete arrivare autonomamente, attraverso mezzi di trasporto locali che garantiscono i collegamenti con Coban, oppure approfittando dei minivan che partono tutti i giorni da diverse città del Paese e che possono condurvi a destinazione senza necessità di cambi. Una volta a Lanquin, troverete facilmente chi vi porterà alla struttura in cui intendete alloggiare: spesso sono infatti gli stessi ostelli/hotel ad organizzare i trasferimenti per i loro ospiti.

Personalmente ho alloggiato in una camerata del Greengo's Hotel, un eco-lodge che si trova a pochi passi da quella che è davvero - almeno a mio modo di vedere - la più grande meraviglia naturale del Guatemala, in un contesto incontaminato dove regnano quiete e tranquillità. Vi segnalo comunque che vi sono anche altre strutture tra le quali potrete scegliere, che godono di una posizione altrettanto speciale. In ogni caso, se volete soggiornare a Semuc Champey e non a Lanquin come fanno molti, non dimenticate che in paese l'elettricità è garantita solo in alcuni momenti della giornata.

Tornando al paradiso che avete immaginato... Potete decidere di andarci da soli o di unirvi ad un piccolo gruppo con guida.; in questo senso ricordate che ogni giorno vengono organizzati dei tour, ma vi garantisco che non avrete alcuna difficoltà anche se deciderete di muovervi per conto vostro.

Non vi ho ancora detto, però, cosa vi aspetta a Semuc Champey. Innanzitutto un breve poco impegnativo trekking su un sentiero in mezzo alla foresta. Il tracciato, molto ben segnalato, si snoda su passerelle che in una quarantina di minuti vi condurranno direttamente al belvedere. Vi garantisco che la vista da lassù è davvero indimenticabile! Proseguendo lungo il percorso vi imbatterete nelle piscine naturali cui ho accennato. A quel punto sara giunto il momento di fare una pausa: potrete buttarvi nelle acque - che sono davvero turchesi e cristalline - per fare una nuotata e rilassarvi sotto qualche cascatella.

Se tutto questo non è abbastanza, avrete modo di dedicarvi ad attività ancora più adrenaliniche: cosa ne dite di fare tubing nel Rio Cahabon? E di attraversare le cosiddette Grutas de K'anba, facendovi strada e luce con un candela, per lo più immersi nell'acqua, in compagnia di qualche svolazzante pipistrello?

Adesso che sapete tutto su Semuc Champey, smettetela di immaginare il paradiso... Zaino in spalla e partite!







Per vedere altri scatti di Semuc Champey segui i link e se ti va metti mi piace sulla pagina facebook di My way, around the world.


Commenti